Scegli Confesercenti per la tua impresa Giovedì 25 Febbraio  2021  










Confesercenti informa

Provincia di Rimini


Lavoro, Emilia Romagna ai primi posti in Italia

In Emilia Romagna aumenta di 48mila unit (+2,5%) la popolazione attiva nel mercato del lavoro e la occupazione cresce di 51mila unit (+2,7%) oltre la media nazionale (+2%).
Il fenomeno interessa maggiormente le donne, che sono 29mila in pi (+3,5%), degli uomini che aumentano di 22mila unit (+2,1%). Questo incremento produce una consistente contrazione delle persone in cerca di lavoro, che passano dalle 66mila del terzo trimestre del 2005 alle attuali 64mila.

Sono questi i numeri che scaturiscono dai dati di Istituto nazionale di statistica, relativi alla rilevazione continua delle forze di lavoro condotta nel periodo che va dal 3 luglio al 1 ottobre 2006.

Con un tasso di attivit al 71,7 %, di occupazione al 69,4 % e di disoccupazione al 3,2 %, la nostra regione si situa ai primi posti tra le regioni italiane, dice assessore regionale al Lavoro Paola Manzini.

Un quadro estremamente favorevole rispetto agli ambiti nazionale ed europeo, in cui i principali indicatori tracciano una situazione in ulteriore miglioramento rispetto ai dodici mesi precedenti, dovuta in buona parte anche alla regolarizzazione del soggiorno e alla occupazione dei lavoratori migranti, cos come si riscontra soprattutto nella intera area settentrionale del paese.

Molto importante anche la ripresa della occupazione femminile: in Regione le donne occupate sono il 61,8%, quasi due punti percentuali in pi rispetto agli obiettivi di Lisbona fissati per il 2010 che ha portato il tasso di disoccupazione dal 4,7 al 3,7 per cento.

Un altro dato positivo quello che riguarda i giovani con meno di 25 anni: solo il 10 % alla ricerca di un lavoro, uno dei risultati migliori a livello europeo. In crescita anche gli occupati con pi di 50 anni: infatti quasi la met di chi ha trovato lavoro nell ultimo anno in questa fascia, soddisfacendo uno degli obiettivi perseguiti dai parametri Ue.