Scegli Confesercenti per la tua impresa Domenica 26 Settembre  2021  










Confesercenti informa

Provincia di Rimini


FIARC CONFESERCENTI EMILIA ROMAGNA: LEONARDO FABBRI SUCCEDE A CALIZZANI ALLA PRESIDENZA REGIONALE

Cambio della guardia al vertice della FIARC (Federazione Italiana agenti e rappresentanti di commercio) regionale Emilia Romagna: Umberto Calizzani lascia il testimone a Leonardo Fabbri. Ferrarese, classe 1962, sposato con un figlio, Fabbri č agente di commercio dal 1984 come il padre, al quale subentra nelle aziende rappresentate e ai contatti professionali nel campo delle attrezzature per l’edilizia, allargando le zone assegnate dalla sola provincia estense in tutta la regione emiliana. Ha collaborato con alcune aziende mandanti alla apertura di filiali in varie regioni e nella ricerca di nuovi agenti di commercio nelle zone scoperte, il tutto a stretto contatto con le varie direzioni vendite.
Da sempre associato alla Confesercenti di Ferrara – fa parte della Presidenza Provinciale – dal 2013 č Presidente della FIARC Ferrarese.
Il neo presidente, che ha ringraziato a nome di tutta la FIARC E. R. il presidente uscente per il lavoro svolto in questi anni, ha garantito il suo impegno per la rappresentanza e la tutela dei diritti della categoria durante tutto il suo mandato.
Il neo presidente regionale della FIARC Leonardo Fabbri ha cosě dichiarato: “Tra i principali impegni di carattere generale che ho assunto, accettando questa carica, ho posto come obiettivo prioritario la semplificazione delle procedure burocratiche e il contenimento dei costi, amministrativi e fiscali, per chi intende iniziare l’attivitŕ di agente di commercio, con particolare riguardo per i giovani. A livello locale, regionale e comunale, insisterň con le varie Amministrazioni affinché sia concessa, anche agli agenti di commercio, l’autorizzazione a circolare in deroga ai provvedimenti antinquinamento che limitano la circolazione degli automezzi. La nostra categoria, alla pari di altre a cui č concessa la deroga, usano l’autovettura come strumento principale del loro lavoro e sulla quale viaggia anche il campionario, spesso pesante e ingombrante”.