Scegli Confesercenti per la tua impresa Domenica 26 Settembre  2021  










Confesercenti informa

Provincia di Rimini


Divieto di vendita all’esterno dell’azienda agricola su aree private per gli imprenditori agricoli

Il Ministero delle Politiche Agricole, con nota del 29/10/2014, ha confermato che la legge n. 98/2013 “ha escluso la vendita diretta su altre aree private di cui gli imprenditori agricoli abbiano la disponibilità”.
Anche il Ministero dello Sviluppo Economico concorda sull’interpretazione fornita dal MIPAF: ne risulta di conseguenza per gli imprenditori agricoli il divieto di vendita su aree private all’esterno dell’azienda agricola.
Pertanto gli imprenditori agricoli possono vendere i propri prodotti solo e soltanto nelle seguenti modalità:
1. su superfici all'aperto nell'ambito dell'azienda agricola (senza necessità di dare comunicazione al Sindaco);
2. in occasione di sagre, fiere, manifestazioni a carattere religioso, benefico o politico o di promozione dei prodotti tipici o locali (ugualmente senza necessità di dare comunicazione al Sindaco);
3. in locali aperti al pubblico (con obbligo di comunicazione indirizzata al Sindaco del comune in cui si intende esercitare la vendita; per effetto delle modifiche intervenute con il “decreto del fare”, inoltre, l'attività di vendita diretta dei prodotti agricoli non comporta cambio di destinazione d'uso dei locali ove si svolge la vendita e può esercitarsi su tutto il territorio comunale a prescindere dalla destinazione urbanistica della zona in cui sono ubicati i locali a ciò destinati);
4. su aree pubbliche mediante l'utilizzo di un posteggio (con comunicazione indirizzata al Sindaco del comune in cui si intende esercitare la vendita; in questo caso ovviamente la comunicazione deve contenere la richiesta di assegnazione del posteggio medesimo);
5. su aree pubbliche in forma itinerante (con comunicazione al comune del luogo ove ha sede l'azienda di produzione).
Qualora l'ammontare dei ricavi derivanti dalla vendita dei prodotti non provenienti dalle rispettive aziende nell'anno solare precedente sia superiore a 160.000 euro per gli imprenditori individuali ovvero a 4 milioni di euro per le società, sussiste l’obbligo di presentare i requisiti professionali per la vendita.
Gli imprenditori agricoli devono comunque osservare le disposizioni vigenti in materia di igiene e sanità.